0

Processo Scuto, condanna a otto anni «Ricorso? Ingiustizia da combattere»

Il procedimento era ritornato nelle aule di piazza Verga dopo il rinvio della Cassazione. In precedenza l’imprenditore era stato condannato a dodici anni per associazione mafiosa. «Mi aspettavo una sentenza più leggera», commenta Scuto Continue Reading

0

Corsa al vertice della Procura di Catania Il testa a testa per il dopo Giovanni Salvi

Regna l’incertezza su chi potrebbe succedere al magistrato pugliese e romano d’adozione. Almeno sette i nomi papabili, tra vecchie conoscenze catanesi, veri outsider e alcuni magistrati non siciliani per i quali l’ufficio è oggi più appetibile. L’eredità, in ogni caso, non è semplice. Guarda l’infografica Continue Reading

0

Caronte, chieste condanne per 63 anni In un filone separato c’è Enzo Ercolano

L’indagine scaturita nel blitz del novembre 2014 nasce come una continuazione dell’inchiesta Iblis. Tra gli imputati del processo con il rito abbreviato ci sono gli imprenditori Carmelo Motta e il calabrese Giovanni Malavenda, entrambi in affari per il commercio di carne Continue Reading

0

Iblis, tensione per le rivelazioni di Scollo «Santapaola Jr? Lo vedevo al Banacher»

Nel processo d’appello parla l’ex reggente di Lineri diventato collaboratore di giustizia a gennaio. La sua testimonianza viene interrotta decine di volte quando al centro delle dichiarazioni finisce il figlio di Nitto, Enzo u nicu, considerato il capo di Cosa Nostra etnea. «Era riservato e non parlava con chiunque», racconta Continue Reading

0

Voto di scambio, chiesta la condanna per i Lombardo L’intercettazione: «In Sicilia si vota solo per il lavoro»

Un anno e due mesi di reclusione per l’ex governatore. Dieci mesi per il figlio Toti, parlamentare regionale. Nella lunga requisitoria sono state passate in rassegna decine di telefonate registrate. Raffaele Lombardo si dice sereno e legge in aula un sms come prova di una delle tante richieste d’aiuto ricevute Continue Reading

0

Mafia, processo Colomba: condanne per 400 anni Supermercato della droga gestito in «modo militare»

La piazza di spaccio nel quartiere di San Cristoforo sarebbe stata gestita da Giovanni Crisafulli u Tuccu con la complicità di una rete organizzata di vedette e pusher. Gli incassi fruttavano giornalmente circa 20mila euro con turni organizzati in fasce orarie Continue Reading