0

Mafia, processo Fiori Bianchi, condanne per 369 anni Alla sbarra il faccendiere a Roma dei Santapaola

** Articolo pubblicato su MeridioNews il 11 dicembre 2014 **

L'apertura su MeridioNews

L’apertura su MeridioNews

Sono serviti molti minuti al giudice Anna Maggiore per leggere il dispositivo che ha inflitto complessivamente 369 anni di carcere agli imputati del processo di primo grado Fiori Bianchi 3, scaturito dall’operazione antimafia del 16 aprile 2013 condotta della Dda di Catania e dalla compagnia provinciale dei Carabinieri, allora diretta da Giuseppe La Gala. Più di cento indagati, di cui 60 imputati nel processo con il rito abbreviato, ritenuti dagli inquirenti appartenenti al nuovo organigramma di Cosa nostra catanese riconducibile alla famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano. Nell’inchiesta emerse la capillare spartizione  del territorio. Una suddivisione fatta nei quartieri della città e della provincia con l’alternarsi al vertice di tante vecchie conoscenze delle cronache giudiziarie. Una mafia tradizionale ancorata alle origini che operava con i gruppi del Villaggio Sant’Agata, Picanello, Ottanta palme, Civita, Cibali, Librino, Lineri ma anche con quelli dei paesi di Acireale, Belpasso, Mascalucia, Paternò, Fiumefreddo e Riposto. Le accuse contestate a vario titolo andavano dall’associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, estorsioni, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti e rapina.

Giorgio Cannizzaro, ritenuto uno tra gli elementi chiave dell’intera organizzazione mafiosa è stato condannato a otto anni con la relativa incapacità di contrarre con i pubblici uffici. Residente da anni a Roma, dalla capitale Cannizzaro secondo gli inquirenti avrebbe «gestito gli interessi della famiglia mafiosa». Ad emergere sono rapporti di primo piano con imprenditori e con membri delle istituzioni oltre a quelli confidenziali con alcuni prelati del Vaticano. In una telefonata intercettata nel dicembre 2008, durante una conversazione con un monsignore, contattato per un matrimonio in Vaticano, quest’ultimo così si rivolgeva a Cannizzaro: «Volevo solamente inginocchiarmi e dire grazie».

Secondo i collaboratori di giustizia, nel suo ruolo di faccendiere sarebbe stato vicino adAngelo Santapaola, poi inghiottito dalla lupara bianca nel settembre 2007. Poco prima dell’omicidio, per il pentito deiCarateddi Gaetano D’Aquino, Cannizzaro avrebbe addirittura fatto parte di untriumvirato della famiglia Santapaola, «con Pippo Ercolano e Natale D’Emanuele», che si sarebbe seduto al tavolo delle trattative con gli storici avversari del clan Cappelo, rappresentati da «Salvatore Caruso, Giovanni Colombrita e Gaetano La Guzzi» per discutere la rimozione di Angelo Santapaola dal ruolo di reggente.  I rapporti di Cannizzaro, per gli inquirenti, si sarebbero estesi anche a Palermo con «gli uomini d’onore del quartiere Porta Nuova», e con la mafia di Trapani «con il salemese Angelo Salvatore», imprenditore arrestato nel dicembre 2012 nell’operazione mandamento eolico perchè ritenuto al servizio della primula rossa Matteo Messina Denaro. Tra i capitoli della storia che riguarda Giorgio Cannizzaro c’è anche l’affare Telekom-Serbia relativo a un presunto giro di mazzette sull’asse Roma-Belgrado; nel 2003 all’interno dell’aeroporto di Catania venne ritrovata una sua valigetta contenente alcuni documenti sull’inchiesta di cui all’epoca si stava occupando la Procura di Torino e una commissione parlamentare appositamente creata.

I nuovi equilibri di Cosa nostra catanese emersero grazie alle rivelazioni di numerosi collaboratori di giustizia con in testa Santo La Causa (condannato a 2 anni e 6 mesi), ex reggente dei Santapaola che dal 28 aprile 2012 ha iniziato a parlare con i magistrati etnei entrando nel programma di protezione. Il collaboratore nell’ambito dell’operazione Fiori Bianchi raccontò agli inquirenti non solo la distribuzione dei cosiddetti stipendi ai vari affiliati e alle famiglie dei detenuti ma tolse il velo anche su decine di estorsioni, alcune risalenti agli anni ’90. Un pizzo a tappeto, con tanto di conversione monetaria dalla lira, pagato dai titolari con somme che variavano da alcune centinaia di euro fino a diverse migliaia. Nelle rete di Cosa nostra erano finite una gioielleria, negozi di autoricambi, un agriturismo di Belpasso, una pescheria a San Pietro Clarenza, un bar di Mascalucia e un’enoteca di Catania insieme a decine di altre attività commerciali sparse nel capoluogo etneo e in provincia.

++ Continua su MeridioNews ++

Articoli correlati:

Dario De Luca

Giornalista e reporter, vincitore del premio giornalistico "Maurizio Rampino 2014" categoria "inediti" e del premio "Mario Francese 2017"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *